ARRIVA TOO GOOD TO GO

Il 27 marzo a Milano si presenta un'app molto interessante contro lo spreco alimentare
Too good to go

Dopo aver raccontato di Junker, torno a parlare di app mobile, segnalando anche un evento molto interessante (e di cui ringrazio per l’invito Gaetano Petronio).

Parlo di Too Good to Go, nata nel 2015 in Danimarca: si tratta sostanzialmente di un’applicazione che permette di acquistare a prezzo di saldo quei cibi (ancora ottimi!) freschi o prossimi alla scadenza che andrebbero smaltiti nei rifiuti, perché non più vendibili.

D’altronde, basta farsi un giro nei bar all’ora dell’aperitivo o fra gli scaffali con i supersconti di merce in scadenza per vedere quanto cibo rimanga in venduto e rischi di essere gettato via. Secondo il Food Sustainability Index, parliamo di 1,3 miliardi di tonnellate di cibo su base planetaria, che corrisponde a un terzo di quanto ne viene prodotto.

Come fare? Come spesso avviene, ecco in aiuto il digitale.

Attraverso una piattaforma mobile –Too Good to Go, appunto- è possibile acquistare la propria cena contribuendo a ridurre questo numero, magari approfittando di un’offerta succulenta per una Magic Box piena di cibi di alta qualità.

Fino ad oggi il nostro Paese non era fra quelli dove era possibile utilizzare Too Good to Go: uso il passato perché finalmente l’app contro lo spreco alimentare sarà disponibile anche nei nostri app store, sia per IOS che per Android.

Too Good To Go sarà presentata ufficialmente a Milano il 27 marzo prossimo alle ore 11,30 presso l’Exki di via Luciano Manara 13: ne parleranno Eugenio Sapora (Country Manager Too Good To Go ItaliaGiovanni Garosci (CEO EXKi Italia) e Alfio Fontana (Responsabile CSR Carrefour Italia).

I punti vendita delle due catene saranno i primi a distribuire i propri prodotti su questa piattaforma: un’indicazione anche per i marketers, che potranno contare su un benchmark in più su cui contare per capire come unire modelli più virtuosi e sostenibili di consumo al proprio marketing mix.

Io purtroppo non potrò esserci di persona, però se siete da quelle parti vi consiglio di passare.

L’app invece la scaricherò di sicuro! 🙂